Musica Techno

 

La musica techno è un sottogenere della musica elettronica e in modo più specifico alla electronic dance music. La techno nasce negli anni ’80 a Detroit, nel Michigan, USA. Techno sta per “technologic”, poiché si tratta di una musica la cui peculiarità principale sta nell’utilizzo di di strumenti tecnologici e l’utilizzo del suono sintetico (quindi generato da segnali e non da vibrazioni acustiche). Tra i maggiori gruppi che hanno influenzato la nascita di questo genere vi sono i Kraftwerk ma anche altre realtà musicali di altri generi.

Detroit Techno

A parte le zone in cui veniva suonata maggiormente nei primi periodi, la città in cui si considera sia stata creata la musica techno è Detroit, dalla quale deriva anche un genere specifico chiamato Detroit Techno. La techno nasce per opera di tre musicisti e DJ: Juan Atkins, Derrick May e Kevin Saunderson, ai quali si uniranno successivamente quelli della “seconda generazione” (sebbene a pochi anni di distanza) Jeff Mills, Carl Creig e Richie Hawtin.

Atkins e Saunderson proponevano la loro musica con il gruppo Cybotron. I due erano infatuati delle teorie di Alvin Toffler esposte nel libro “La terza ondata”, in cui lo scrittore sosteneva che il futuro sarebbe appartenuto ai tecno-rinnegati della società, ribelli capaci di asservire la società ai propri scopi. Questo tema venne ripreso nell’album dei Cybotron “Enter” (1983), a cui il gruppo fa seguire l’uscita di un 12′ pollici dal titolo “Techno City”.

Ad Atkins e Saunderson, si unì successivamente anche Howesley, invitato dall’altro componente dei Cybotron, Rick Davis.

I nuovi suoni presero una delineazione ben profonda e vennero successivamente etichettati come “Musica techno” nel 1988 dalla Virgin Records. Proprio questo nuovo nome per il genere riuscì a divincolare la musica techno da quella house, per cui Detroit stava diventando popolare.

Alcune citazioni del gruppo aiutano meglio a comprendere l’anima della vera techno:

Derrick Mai: “Questa musica è come Detroit, uno sbaglio completo. È come George Clinton ed i Kraftwerk bloccati in un ascensore”. Nota: George Clinton è il famoso musicista leader dei Parliament e Funkadelic.

Juan Atkins: “Voglio che la mia musica suoni come due computer intercomunicanti, non voglio che sembri una band reale. Deve suonare come se l’avesse fatta un tecnico. Ecco cosa sono io: un tecnico con sentimenti umani”.

Caratteristiche di un brano techno

Essendo uno specifico genere musicale, la techno presenta specifiche caratteristiche. Un brano techno si struttura in modo semplice, con la sovrapposizione progressiva di loop della lunghezza di ½, 1 o 2 o più battute, che generalmente seguono numeri pari. Più loop vengono inserite e più il brano risulta complesso. Nella techno è riconoscibile e molto caratteristica la sezione percussiva, delineata dalle linee di grancassa e basso, che tengono tempi forti. Al contrario, frequenza medie o acute tengono tempi deboli.

Disco Sucks

Non vi venga mai in mente di confondere la techno con la house! Scherzi a parte, negli stessi anni in cui si diffondeva la techno, faceva lo stesso anche la house. La differenza tra i due generi sta nel fatto che la house nasce dall’unione di drum machine e campionamenti già presenti sulla scena disco, mentre la musica techno come abbiamo già detto predilige il suono sintetico. Proprio questa “guerra” tra i generi ha scatenato l’avvenimento del “Disco Sucks”, in cui sostenitori della techno bruciarono tonnellate di vecchi vinili al grido di “Disco Sucks”, dove i dischi erano quelli che simboleggiavano i dischi utilizzati per essere campionati nel genere house.